Eccedenze alimentari

Contributi per il recupero e la distribuzione di prodotti alimentari

Il progetto “Reti territoriali virtuose contro lo spreco alimentare” ha permesso di constatare che beni invenduti che comportano oneri economici ed impatti ambientali se smaltiti come rifiuto, acquisiscono, attraverso la donazione, un valore sociale misurabile che è multiplo del valore nominale.

La devoluzione di alimenti freschi è spesso limitata dai costi aggiuntivi a cui gli Enti non profit devono far fronte per il rispetto della corretta gestione sanitaria del cibo.

Gli Enti non profit, grazie al finanziamento, potranno potenziare le attività di recupero e distribuzione degli alimenti freschi per i quali è fondamentale disporre delle attrezzature per il mantenimento della catena del caldo e del freddo previste dal bando: veicoli isotermici o coibentati refrigerati; abbattitori di temperatura; contenitori isotermici per il trasporto di alimenti; carrelli termici portavivande; celle frigorifere, frigoriferi e congelatori; scaffalature, transpallet ed elevatori.

Chi può presentare la domanda: Enti non profit che si occupano dell’attività di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari ai fini di solidarietà sociale aventi le caratteristiche definite da Regione Lombardia con d.g.r. n. 6973 del 31/07/2017.

Domande dal: 19 settembre 2017, ore 10:00

Scadenza: 06 ottobre 2017, ore 12:00

 

Per maggiori informazioni consultare la pagina web dedicata al bando.